Come organizzare un trasloco in maniera professionale

Come organizzare un trasloco in maniera professionale

Per fare un trasloco come si deve occorre sicuramente organizzarsi nei minimi dettagli. Se siete amanti delle to do list per esempio, potete iniziare da questa. Create una lista di tutte le cose che dovete comprare, le persone che dovete contattare e gli oggetti che dovete portarvi via.

Il trasloco rappresenta infatti anche il momento perfetto per poter decidere quali sono le cose che non vi servono più. Tutti quanti tendiamo ad accumulare oggetti in casa, un po’ per abitudine un po’ perché nemmeno ricordiamo di averli.

Perciò analizzate bene ogni oggetto. Buttate le cose rovinate, regalate e vendete le altre. In questo modo potete anche racimolare un po’ di soldi.

Valutate anche se affidarvi a un’azienda che si occupa di traslochi professionali a Roma. Così da risparmiare tempo e lasciare che siano i professionisti a portare gli scatoloni da una casa all’altra. Vediamo adesso come organizzare tutte le fasi del trasloco nel dettaglio.

  1. Pensate a dove volete collocare i vostri oggetti e mobili all’interno della nuova casa, così da studiarvi tutto e sapere già come organizzare le varie stanze. Se partite da qui, potrete organizzare in modo produttivo anche il contenuto delle scatole stesse.
  2. Passate adesso ad organizzare appunto le scatole. Con un pennarello nero a punta grande scrivete su ogni scatola la stanza e gli oggetti contenuti. Fate in modo che abbiano un senso logico, così quando le aprite potete iniziare a riempire un po’ alla volta gli spazi della nuova casa. Le scatole migliori sono quelle resistenti, che potete eventualmente riutilizzare più volte e perciò una volta usate le potete smontare e riporre in un luogo tranquillo. Vi permette di risparmiare soldi e soprattutto tempo.
  3. Fate attenzione agli oggetti fragili. Sulla scatola che li contengono prima di tutto dovete apportare la scritta FRAGILE ben grande e visibile anche alle persone che eventualmente si occuperanno di trasportare gli scatoloni dalla vecchia alla nuova casa. Per proteggerli durante il trasloco, comprate gli alveolari, così da poter imballare tutto con cura e in caso di eventuali urti, salvare le vostre cose. Dovete farlo per esempio con i piatti, i bicchieri ed eventuali oggetti in cristallo che possedete.
  4. I mobili dovreste proteggerli utilizzando gli appositi teli di plastica. Così durante il viaggio di trasporto, se dovessero urtare tra di loro, non si sgraffiano.
  5. Radunate tutti quanti i documenti all’interno degli appositi contenitori e poi metteteli in una unica scatola, o due, se ne avete tanti. In lettere grandi scrivete sulla scatola DOCUMENTI. Anche questa è una buona occasione per buttare le cose vecchie, quelle di cui non avete più bisogno.
  6. Non riducetevi a fare gli scatoloni del trasloco due giorni prima, ma iniziate a prepararli con un po’ di anticipo. Non c’è un tempo definito, tutto dipende da quanti oggetti avete. E’ diverso per esempio il trasloco che fa una persona che vive sola rispetto a quello di un’intera famiglia. Partite dagli oggetti che non vi servono nella vita di tutti i giorni e imballateli, iniziate a mettere le scatole tutte insieme in un angolo della casa.
  7. Gli imprevisti ci sono e dovete esserne consapevoli, perché è l’unico modo per poter gestire un trasloco senza entrare nel panico. Quindi dovreste sempre avere dei numeri di riserva per le eventuali persone che vi aiuteranno, dei soldi da parte se ci sono costi aggiuntivi da sostenere etc. Altrimenti un semplice trasloco può trasformarsi in un inferno.
  8. Dovete imparare a gestire anche lo stress, cercare di non farvi prendere dal panico. Se organizzate tutto seguendo i consigli di questo articolo, dovreste appunto riuscire a fare il trasloco tranquillamente, senza fretta e senza che succeda niente di strano.

You may also like